Nebida Fauna | Nebida-Masua

Nebida  Fauna

nebida fauna

Trilobite

La grande varietà  di ambienti facenti parte del territorio contiene una comunità  faunistica molto ricca e diversificata. Complessivamente, sono state censite 154 specie di vertebrati, di questi, 70 fanno parte degli allegati delle Direttive Habitat Uccelli. Molto rilevante è la presenza di numerose specie di uccelli.

Lungo la costa nebidese nidificano il “GABBIANO CORSO” (Larus audouinii), la “STERNA COMUNE” (Sterna hirundo), il “FALCO PELLEGRINO” (Falco peregrinus) e il “MARANGONE DAL CIUFFO” (Phalacrocorax aristotelis desmarestii); è anche possibile avvistare il “FALCO DELLA REGINA” (Falco eleonorae) e il “FALCO PESCATORE” durante lo svolgimento delle sue attività  di caccia.

Nell’area paludosa di “Sa Masa”, la presenza di canneti e tifeti offre le condizioni ideali per la nidificazione del “TARABUSO” (Botarus stellaris), della “GARZETTA” (Egretta garzetta), del “POLLO SULTANO” (Porphyrio porphyrio) e della “NITTICORA” (Nycticorax nyctycorax).

Nelle zone boscate vivono e si riproducono

nebida fauna

Vipera sarda

“L’ASTORE DI SARDEGNA” (Accipiter gentilis arrigoni), lo “SPARVIERE SARDO” (Accipiter nisus wolterstorffi) e la magnifica “AQUILA REALE” (Aquila chrysaetos). Nel territorio SIC si trova anche una ricca comunità  di anfibi che annovera specie di elevato valore conservazionistico. Tra tutte citiamo il “GEOTRITONE DELL’IGLESIENTE” (Speleomantes sardus) e la “RAGANELLA SARDA” (Hyla sarda). Nel campo dei rettili è importante citare la presenza della “TESTUGGINE DI HERMANN” (Testudo hermanni), che frequenta ambienti di macchia mediterranea e paludi, ricchi di vegetazione acquatica.

Nebida Fauna | Nebida-Masua

Queste ultime due specie fanno parte dell’Allegato II della Direttiva Habitat. Il territorio risulta essere ricco di grotte marine nelle quali nidificano specie volattili, note tra gli abitanti come:”Acciappa musca”, “Gabbiani corsi”, “Cormorani”, “Colombacci”, altre specie che transitano nella zona sono i “Gabbiani d’alto mare”. Particolarmente importante è la visita al sito di Canal Grande che appartiene al Parco Geominerario storico e ambientale della Sardegna. Sugli scisti cambriani della formazione di Punta Manna è presente una ricca fauna ad artropodi con diverse specie di TRILOBITI del Cambriano inferiore tra questi spiccano: Dolerolenus zoppii, Anadoxides armatus, Enantiapsis enantiopa. Sono presenti numerose specie di Archeociatidi. Oltre alle trilobiti e alle archeociatine, in alcuni livelli carbonatici detritici sono stati rinvenuti frammenti di brachiopodi ed echinodermi.