Nebida paese | Nebida-Masua

Nebida paese  | Nebida-Masua

Nebida paese

Vista di Nebida dal colle del Belvedere

Nebida paese  | Anche nel paese i punti di attrazione sono molteplici.

E’ possibile visitare i diversi musei minerari allestiti dalle varie associazioni culturali presenti sul territorio.

Musei che ripropongono mediante reperti fotografici, oggetti e minerali quello che è stato il passato minerario del paese.

L’Associazione Verde Azzurro Pan di Zucchero organizza una visita guidata che tocca i punti storici della frazione mineraria, punti che in passato hanno svolto un ruolo importante e che ancora oggi sono visibili.

  • DESCRIZIONE DEL PERCORSO:

nebida paese
Vista del palazzo della Direzione mineraria

Punto di partenza Oasi del Belvedere “Le altre tappe del trekking urbano sono le seguenti: il colle “Sa Gruttixedda” (Rudere del Mulino a vento), su questo, nel 1881 venne costruita una pompa per l’eduzione delle acque marine che tramite un complesso sistema di ingranaggi sfruttava l’energia eolica; la laveria Lamarmora e la laveria Chessa, entrambe le strutture si trovano in ottimo stato di conservazione e danno l’idea del funzionamento di quelle strutture dove avveniva la separazione dello sterile dal materiale mineralizzato; visiterete l’imbocco di alcune gallerie: Chessa e Santa Margherita; Galleria Nebida”, prima tra le gallerie nate nella seconda metà del 1800 con la concessione Nebida. Il Lazzaretto, struttura nella quale venivano alloggiati i malati; il vecchio ospedale; la chiesa dedicata a Santa Barbara, patrona dei minatori; il centro storico del paesino minerario, tra le tre palazzine aziendali che hanno ospitato i massimi dirigenti delle società minerarie; lo spaccio aziendale e alla lapide in onore dei minatori che persero la vita nell’eccidio del 1906.

nebida paese
Vista della chiesa dedicata a Santa Barbara

seguire il percorso ci porterà alla scoperta di alcune  delle gallerie più importanti, del vecchio ospedale, della chiesa, dello spaccio aziendale e delle aree destinate al trattamento dei minerali ovvero le note laverie Lamarmora e Chessa.

  • INFORMAZIONI SUL PERCORSO

  1. Il tempo necessario per la percorrenza del tour è pari a 1.30 ore;

  2. La lunghezza del percorso è di circa 3 km;

  3. La difficoltà, in accordo a quanto è indicato sulle riviste specializzate sul trekking è BASSA;

  4. Il punto di partenza è dall’Oasi del Belvedere

info@verdeazzurropandizucchero.it  Tel 3392254700