Nebida Territorio | Nebida-Masua

Nebida territorio: alla scoperta delle sue caratteristiche

nebida territorio

Vista di Pan di Zucchero dal sito di Porto Flavia

Nebida è una ex località mineraria frazione del comune di Iglesias, capoluogo con Carbonia della provincia di Carbonia-Iglesias, nella subregione del Sulcis-Iglesiente.

La frazione di Nebida insieme con Masua, sono collocate nell’angolo sud-occidentale dell’isola sarda ancora incontaminata e selvaggia.

Sono note per le splendide spiagge e calette dalle acque cristalline. Sono entrambe testimoni di un glorioso passato legato all’attività estrattiva e ricche di numerosi residui dell’arte mineraria.

Dal punto di vista geologico il territorio di Nebida è inserito in un complesso di particolare valenza paesaggistico-geologico-ambientale.

Nebida territorio: La frazione dista da Iglesias circa 12 km, 70 sono i chilometri che la separano dal capoluogo regionale Cagliari e circa 18 da Carbonia.

Risulta caratterizzato da una molteplicità di rocce, si va da quelle sedimentarie del paleozoico (i bianchi calcari ceroidi che ospitano le importanti mineralizzazioni dell’iglesiente), agli scisti del cambro-ordoviciano. Importanti sono anche i conglomerati rappresentati da “la puddinga” color vinaccia dell’Ordoviciano.

nebida territorio

Vista della costa nebidese

E’ estrememente importante segnalare la presenza nei pressi di Nebida di un importante affioramento che testimonia il contatto tra due periodi geologici, la cosiddetta” Discordanza Sarda”. Questo affioramento è ubicato nella litoranea tra Funtanamare e Nebida, ovvero il tragitto della “panoramica” (strada di accesso che corre lungo la scoscesa costa rocciosa).

Qui è possibile sostare nelle piazzole di sosta e ammirare l’ineguagliabile bellezza della costa più antica d’Europa.

nebida territorio

La costa nei pressi di Canal Grande

L’importanza si deve al fatto che questi affioramenti rappresentano il contatto stratigrafico tra i conglomerati dell’Ordoviciano superiore (Puddinga – Formazione di Monte Argentu) e gli scisti di Cabitza del Cambriano medio – Ordoviciano inferiore. Questa costa è unica anche per la presenza dei 5 faraglioni che si ergono imponenti dal mare: scoglio il Morto, scoglio di Portu Nebida (detto anche “il veliero” per via della sua forma che ricorda tale tipo di imbarcazione), i due faraglioni S’Agusteri davanti alla spiaggia di Portu Banda e infine, in lontananza, il maestoso e famoso Pan di Zucchero.